Martedì, 22 Gennaio 2013 10:45

Equità ed efficacia delle politiche di trasformazione e infrastrutturazione territoriale In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

INFRASTRUTTURE18

Qualunque nuova realizzazione infrastrutturale – infrastrutture di trasporto, impianti industriali, reti di trasmissione dell’energia, torri eoliche, impianti fotovoltaici, etc – comporta una modificazione del contesto territoriale (ampiamente inteso) destinato ad accogliere l’opera.

C’è da evidenziare che la realizzazione di infrastrutture territoriali (di natura pubblica o privata), se da un lato produce un effetto propulsore dello sviluppo economico, dall’altro produce costi esterni di natura ambientale e territoriale (esternalità negative) che determinano effetti distributivi ineguali oltre a problemi di giustizia sociale e spaziale.

E', quindi, indispensabile, sia per evitare il dissenso sociale che caratterizza le infrastrutture impattanti sia per creare un processo partecipativo e realmente inclusivo, fornire delle risposte adeguate alle seguenti domande:

  • Qual è la ripartizione geografica dei benefici e dei costi associati alla realizzazione di una determinata infrastruttura?
  • In che modo un opera infrastrutturale impatta sui singoli contesti territoriali?
  • Qual è la parte della collettività che riceverà dei “benefici netti”? Quale, invece, subirà solo dei “costi netti”?
  • A quanto ammonta il danno da esternalità che taluni contesti territoriali dovranno sopportare?
  • In che modo è possibile compensare i “percettori netti del danno”?
  • In che modo le esternalità associate ad un investimento industriale si ripartiscono su un contesto sociale (quartieri, città, province)?

Sotto questo punto di vista, compito dell’analisi costi-benefici allargata alle componenti ambientali – ECBA – è semplice: quantificare e monetizzare i benefici (o costi) netti del progetto di investimento e la ripartizione territoriale degli stessi

Infatti, qualora i costi e i benefici economico-sociali si ripartissero in maniera differenziata su un territorio, una volta ridotti al minimo gli impatti dell’opera con opportuni interventi di mitigazione, risulterebbe necessario individuare la sub-porzione territoriale che subirà maggiormente i costi sociali ed ambientali riconducibili alla specifica opera/infrastruttura, anche al fine di stimarne il relativo impatto e proporre apposite misure di compensazione territoriale.

Se la realizzazione di un impianto di produzione comporta delle esternalità ambientali negative, è indispensabile quantificare tali esternalità, con rigore metodologico e senza pregiudizi (ad esempio, quelli associati alle fonti di energia utilizzate), al fine sia di proporre la giusta strategia di mitigazione degli impatti, sia di stabilire la compensazione territoriale da riconoscere alle comunità o gruppi sociali impattati.

____________________________________________________________

Visita il nostro sito web: www.ecbaproject.eu

Sfoglia la nostra presentazione aziendale.

coverbrochure1

Per tenerti informato sui nostri studi e sulle nostre ricerche, seguici su Linkedin.

linkedin_company_pages_3

linkedin_group_4

Seguici su Google plus.

googleplus

Partecipa ai nostri sondaggi.

torta2

Letto 5056 volte Ultima modifica il Giovedì, 21 Gennaio 2016 19:17
ECBA Project

Analisi costi benefici di progetti e politiche di investimento

Sito web: www.ecbaproject.eu

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.